La prima sorpresa l’ho avuta a Genova, ascoltando Paganini durante una visita guidata ai Rolli. La seconda a Bergamo, scoprendo la stupenda Cappella Colleoni. La mia parte preferita del Paese rimane il Nord, e solo da poco mi sto avventurando nel Sud. M’interessa esplorare con le emozioni città note di nome, ma mai veramente considerate come meritano.

Patrizia

Se dovessi darmi un motto sceglierei

Viaggiare è CONOSCERE

Ma che cosa significa davvero conoscere? Di certo amplificare le prospettive: esplorare, fare esperienza del sapere, vivere emozioni.

E l’Italia è una terra che TI LEGA A SÉ.

Partire alla sua scoperta con cuore disposto NON HA PREZZO: me ne sono accorta direttamente sul campo, entrando ogni volta in relazione diretta con un territorio come se quel suo particolare contesto riguardasse anche me.

Con questo progetto mi propongo quindi di sostenere il nostro Paese come destinazione di viaggio SPECIALE, e coinvolgere gli italiani a RITROVARE interesse per l’identità, la cultura e la fierezza delle nostre radici.

Mi chiamo Patrizia e sono una

🔸 Storydoer arte, musica & viaggi in ITALIA 🔸

poco travel blogger, molto appassionata, fortemente convinta di dover metter mano alla costruzione di COMMUNITY che diventino una vera infrastruttura di relazioni.

Classe ’68, ho avuto le mie occasioni di soggiornare all’estero (Europa, Stati Uniti, Nuova Zelanda) quando ancora internet non esisteva, privilegiando sistemazioni di volontariato per non pesare sui miei; esperienze di comunità molto gratificanti e che mi hanno plasmato come persona.

Dopo gli studi linguistici e vari stage, ho lavorato come receptionist e segretaria nel settore alberghiero in Spagna.

Una parentesi di sei anni come assistente familiare in casa mi ha spinto a tirar fuori maggiore iniziativa, facendomi superare la logica impiegatizia in favore di un’idea del lavoro come progetto vivo e dinamico.

Sono un mix di varie città: mamma di Faenza (RA), padre di Verona, nonno di Trento. Mi sento un’italiana del Nord. Sono nata e cresciuta a Torino sognando Milano.

E invece son finita a Firenze… città difficile ma ambiente giusto per dare una rispolverata ai classici ed imparare quel tanto che non ho mai saputo su storia dell’arte e letteratura. 

Non per nostalgia, ma per RISALIRE ad origini che non devono andare perdute.

Cerco LUOGHI da vivere e raccontare

Il mio interesse principale è CREARE VALORE intorno alle potenzialità nascoste di un territorio attraverso la creazione, cura e sviluppo di COMUNICAZIONE TURISTICA in ottica STORYDOING.

“Fare storia” per me vuol dire creare esperienza capace di generare memoria e coinvolgimento.

L’Italia è super indietro? Eh.. lo vedo…

Ma è proprio perché il clima è così incerto da fare una fatica persino emotiva a stare in piedi, che propongo di unire le forze in un rapporto ALLA PARI.

Oramai credo che solo insieme si possa fare QUALITÀ sul serio; nessuno lavora più da solo.

Partnership a SOSTEGNO DEL TURISMO INTERNO

che opportunità CERCO

  • PARTECIPARE a progetti multimediali, mostre e campagne
  • COLLABORARE alla realizzazione di eventi, viaggi e tour tematici
  • ELABORARE PROGETTI intorno a temi correlati al turismo (cucina, ambiente, arte, musica, solidarietà…)
  • COLTIVARE un tipo di community che non si areni in un mero scambio d’informazioni
  • ADERIRE a iniziative che incentivino il rinnovamento del Paese
  • ENTRARE in società per gestire strutture ricettive e/o recuperare edifici storici

che cosa FACCIO

Comunicazione promozionale per luoghi, territori, strutture ricettive e realtà culturali in linea con il proprio contesto identitario

Lavori editoriali per siti web, blog, articoli, recensioni, presentazioni, guide esperienziali

Gestione community e comment marketing

Revisione testi (proofreading)

Audio per podcast

Partnership per gestione strutture ricettive e recupero di edifici storici


Creo contenuti con finalità precise:

  • rendere visibile l’invisibile – ovvero quello che rimane dietro la patina superficiale
  • rendere interessante quel tanto che ancora non si conosce
  • mettere in tavola argomenti di contenuto
  • cercare nei trend di viaggio i fili che riconducono alle identità d’origine
  • coltivare una visione unitaria della destinazione Italia – come auspicato dal manifesto Visione 2040 Viaggiare di Italia che Cambia
  • riportare l’attenzione su esigenze tanto semplici quanto legittime di recupero di conoscenza delle nostre radici

ATTIVISTA del racconto identitario

Seguo un po’ le orme di Emilio Casalini, conduttore garbato del brillante programma Generazione Bellezza, e di Corrado Augias, non più giornalista di inchiesta ma esploratore (anche lui) di Bellezza in Città Segrete e La Gioia della Musica.

Identità fa rima con equilibrio. Del singolo come della società.

Faccio tutto quello che richiede robuste soft skills ma non rientra nel concetto di prodotto da intrattenimento: ascoltare, promuovere conversazione, creare esperienza come stimolo per sé e per gli altri, fare PR nel senso di coltivare/motivare/coinvolgere.

Utopia? Non direi…

Un turismo VERAMENTE sostenibile/responsabile/etico è questione di coscienza. Risultati non se ne vedono ancora, ovvio: ma l’aria che tira è ormai questa.

Sto pensando di fare TEATRO, unirmi al movimento dei Nomadi Digitali, portare contributo con iniziative mie…

Vado avanti motivata da una visione di servizio al Paese. Ed è bello farlo alla mia fantastica età matura, e con la forza della Fede in Dio; perché il legame con la propria terra è prima di tutto AMORE e gratitudine.


GRAZIE per aver letto questa mia presentazione!

Lascio a seguire link di approfondimento:

PORTFOLIO

comunichiamo l'ITALIA

E TU? Che cosa ami dell’Italia?

Per non perderci di vista ti propongo di ISCRIVERTI alla mia LetteraNews

Riceverai spunti di conversazione direttamente nella tua casella di posta, il modo più diretto di aprire un DIALOGO.

Potrai, naturalmente, disiscriverti in qualsiasi momento (ma speriamo di no…).


Mi aiuteresti a interagire?


E se mai avessi idee, proposte, iniziative

per 🔸 CONTATTARMI 🔸 scrivi a

A presto, allora!

Patrizia